numero 19
10 febbraio 2019
Letteratura

Donne che scrivono per le donne: il Novecento, secolo del talento femminile

E si scopre che molte volte le storie degli autori dei romanzi, sono storie più romanzesche di quelle dei loro eroi in carta.

 


Autore : Ilaria Aliquò


Molto spesso l’avido lettore si tuffa in un nuovo romanzo, naso dentro al libro e mente impegnata a formulare paesaggi ed episodi immaginari, tralasciando di chiedersi qual’è la mano che ha messo le parole nero su bianco.

Frequentare le biografie
Man mano invece che si collezionano libri sugli scaffali e storie nella memoria, nasce la legittima curiosità di conoscere di più l’autore di quello scritto che ci ha fatto volare così velocemente in alto. E allora si cominciano a frequentare le biografie. E si scopre che molte volte le storie degli autori dei romanzi, sono storie più romanzesche di quelle dei loro eroi in carta.

E quando sono le donne a scrivere? le altre donne sono curiose
Tracciare un quadro completo delle donne che scrivono per le donne nel Novecento è a dir poco impossibile. Ma creare un quadro immaginario con poche chiazze di colore, ci ispirerà e saremo sempre più curiose di scoprire come sono queste scrittrici moderne e quale eredità consegnano a quelle dello scaffale “Novità”.

Di sicuro ne abbiamo incontrate tante in un secolo, una diversa dall’altra: povere e ricche, laureate o autodidatte, belle e meno belle, infelici o serenamente soddisfatte della loro vita. Si affacciano al mondo della scrittura a volte anche in modo molto rocambolesco e casuale. Non c’è Facebook e il corso di scrittura creativa a spianare la strada.

donna nel bosco

Maria Grazia Montagnari@Flickr

Etty Illesum: un cuore pensante
Siamo nel 1980 e un giovane ragazzo gira con otto quaderni in tasca. Si tratta di quaderni densi di una scrittura fitta e un po’ confusa: un diario. Un diario che nessuno ha interesse a leggere perché la storia è sempre la stessa: una ragazza di una generazione passata, la quale, come sempre accade nella storia di una giovane, rimane imbrigliata tra le ali di Amore e non può fare a meno di riversare il suo turbamento sulle pagine di un diario, come se stesse parlando all’orecchio di un amico.

Il suo nome è Etty Illesum e il suo Diario, molto diverso dal più noto di Anna Frank, è uno degli scritti più emozionanti e densi di significato che siano mai stati prodotti nel XX secolo. Etty muore ad Auschwitz il 30 novembre del 1943 e la sua persona, le sue parole dimostrano che non è vera la frase che “dopo Auschwitz non è possibile poesia”.

Alice Munro e le sue donne
Se invece di storia con la S maiuscola non volete leggere, allora i racconti di Alice Munro fanno per voi. La storia la fanno i suoi personaggi che si muovono tra le mura domestiche. Della realtà esterna c’è poco o niente. Il comune si trasforma in evento straordinario e anche la mamma che cuce un abito per la figlia, diventa un’immagine forte da dover immortalare.

Elsa e Alberto
Accomodiamoci in una chiesa solitaria e partecipiamo ad un matrimonio “di letteratura”. I due sposi sono una certa Elsa Morante e un tal Alberto Moravia. Come ci succede per ogni matrimonio, lasciamoci incantare da due volti che si guardano, in un discorso amoroso fuori dal comune, che solo due scrittori possono mettere in piedi.
Leggete la Elsa Morante giovinetta e la sua Roma degli anni Trenta, il suo peregrinare da quartiere a quartiere. E poi il suo amore appassionato e il suo essere coppia con Alberto già pochi minuti dopo il rito nuziale. Il dolore per la separazione, il suo modo di interpretare i sogni. Tutto questo nei suoi racconti e nel suo diario. Una donna per le donne.

La letteratura segna inevitabilmente le differenze e quella sessuale è davvero evidente e buca la pagina. E allora leggete ancora: Némirovsky, Allende, Maraini, Duras, Merini, Yourcenar … puntini, puntini, puntini. Leggete ancora!

Vi consigliamo: Elisabetta Rasy, Memorie di una lettrice notturna, Rizzoli, 2009.



Navigando sul nostro sito accetti la privacy policy. Il sito utilizza i cookie di terze parti per profilare gli utenti