19 settembre 2019
Arte

Venezia segreta: leggende ed itinerari – parte 1

Un luogo di fantasmi, di arte, di luoghi celati, di acque e riflessi. Venezia dalle mille maschere e, soprattutto, dai mille segreti. Ma cosa conosciamo, e soprattutto cosa non conosciamo di Venezia? Una città relativamente piccola, ma che pare un gioco di matrioske: ogni angolo nasconde preziosi segreti, una scaletta che ti porterà chissà dove, una calle che si perde nella nebbia.

 


Autore : Maria Grazia Roversi

Venezia è una città meravigliosa. Ma conosciamo tutti i suoi angoli e segreti? 

Città di beltà lusingatrice…

“Venezia; beltà lusingatrice e ambigua – racconto di fate e insieme trappola per i forestieri”. Così Thomas Mann decantava la bellezza di Venezia, che molti ritengono essere la più bella città del mondo.

… e ambigua

Che luoghi segreti nasconde Venezia? Dietro gli spioncini delle porte, si celano antichi circoli dove i nobili di un tempo si ritrovavano per giocare a dadi, per conversare e per rilassarsi. Il Casino Venier, dove dal 1987 si trova la sede dell’associazione culturale Alliance Française, è uno di essi, sicuramente uno dei più famosi. Sul pavimento di marmo si trova un piccolo spioncino che serviva per poter vedere chi si trovava all’ingresso e a dare la possibilità di fuggire velocemente dal ponte, in caso di pericolo.

Anche i luoghi che a Venezia sono sotto gli occhi di tutti possono nascondere inquietanti segreti. Come il Palazzo Ducale, splendida costruzione di Piazza San Marco. Due delle colonne del porticato sono rosa, mentre le altre sono bianche. Tanti turisti si chiedono il perché di questo singolare particolare. La spiegazione non è delle più felici: fra le due colonne rosa veniva montato il patibolo, di fronte alla Torre dell’Orologio. Per questo le due colonne sono rosa, per ricordare il colore del sangue dei condannati a morte.

Le corti segrete e la leggenda del Cavaliere

Volete perdervi nelle meraviglie silenziose di Venezia? Allora le corti segrete fanno per voi. Sono semplicemente dei piccoli angoli nascosti, piccoli gioielli che vi catapultano in un’epoca diversa. La Corte Morosina è una di esse: si trova in fondo alla calle Morosina. Si trova poco distante dalla Corte del Milion, dove abitava la famiglia di Marco Polo.

Una leggenda macabra rende Corte Morosina affascinante: si racconta che qui avesse un mercante che avesse stretto amicizia con un cavaliere, di ritorno dalla Terra Santa, e che portava con sé le reliquie. Secondo la leggenda, il Cavaliere si innamorò follemente della sorella del mercante, in realtà amante del mercante stesso: il loro scopo era quello di rubare la reliquia del Cavaliere e di fuggire da Venezia. Il cavaliere, secondo la leggenda, disperato, cominciò a vagare a Venezia: un giorno scomparve, e di lui si trovarono solo l’armatura e l’elmo vuoto. Che ora sono appesi proprio in Corte Morosina.

Il Ghetto Ebraico e altri labirinti 

Di grande fascino anche il ghetto ebraico di Venezia, uno dei più antichi di questa città. Una zona che solitamente i turisti non visitano, fuori dagli schemi abituali e dagli itinerari. Un mondo a parte, chiuso da cancelli, che vi consigliamo assolutamente di visitare.
Il ghetto è totalmente intriso della meraviglia della cultura ebraica. Potrete visitare la splendida Sinagoga ed approfittarne per assaporare il gusto di un ristorante ebraico.
Ma i segreti di Venezia non sono finiti…



Navigando sul nostro sito accetti la privacy policy. Il sito utilizza i cookie di terze parti per profilare gli utenti